Qualche giorno fa siamo stati contattati da Easy Travel Hosting, un servizio di web hosting sostenibile dal punto di vista ambientale pensato ad hoc per i travel blogger. Il progetto è interessante ed ambizioso, frutto del lavoro e della passione di George e Mike, due giovani nomadi digitali con base a Londra appassionati di web design e di viaggi eco-sostenibili. Incuriositi e lusingati, abbiamo accettato con piacere di fare quattro chiacchiere con loro, contenti dell’opportunità di parlare del nostro blog ma soprattutto di conoscere più a fondo la filosofia e i valori che sono alla base del progetto Easy Travel Hosting.

Monte Acuto, massiccio del Monte Catria, Appennino Umbro-Marchigiano
Quanto inquina Internet?

Nonostante la recente mobilitazione globale contro l’inquinamento atmosferico e il crescente dialogo intorno ai cambiamenti climatici, non capita spesso di sentir parlare nello specifico dell’impatto ambientale dal web. Eppure anche Internet è responsabile del surriscaldamento globale, tanto che si stima che il settore delle ICT (le tecnologie dell’informazione e della comunicazione) nel suo complesso abbia la stessa portata in termini di emissioni del traffico aereo, ovvero oltre il 2% sul totale dei gas serra. Si pensi ad esempio all’impatto degli apparecchi elettronici, come smartphone, tablet ed altri device di uso quotidiano, che con il loro brevissimo ciclo di vita generano un massiccio flusso di scarti (i cosiddetti e-waste) di difficile smaltimento. Un altro fattore molto inquinante sono i data center che rendono possibile l’esistenza di cloud, piattaforme social e motori di ricerca: in questo caso l’impatto ambientale è strettamente legato alle fonti da cui viene ricavata l’energia elettrica per sostenere e raffreddare i server. Le strutture che servono per farci lavorare e navigare sul web utilizzano per la stragrande maggioranza energia prodotta in modo ‘classico’ e quindi tendenzialmente inquinante. Dalla infografica sul sito di Easy Travel Hosting emerge che annualmente internet produce la stessa quantità di emissioni di carbonio di:

  • Hong Kong, Singapore, Filippine, Bangladesh, Mongolia e Sri Lanka insieme;
  • un aereo passeggeri Boeing 747 che vola dalla Luna e ritorno ben 5674 volte;
  • il vulcano islandese Eyjafjallajökull in eruzione continua per 5 mesi e mezzo.
Tramonto a Sagres, Portogallo
L’impegno di Easy Travel Hosting per un web più pulito

Dalla presa di consapevolezza di questi dati allarmanti nasce l’obiettivo di Easy Travel Hosting: differenziarsi dalla maggior parte dei web hosting utilizzando al 100% fonti di energia rinnovabile, in particolare eolica. Nello specifico, il loro data center nel Regno Unito funziona completamente per mezzo di energia rinnovabile prodotta da E.ON, uno dei principali generatori di green energy nel Paese. E.ON possiede infatti ben 20 parchi eolici onshore e offshore, tra cui il London Array, il più grande parco eolico realizzato in mare a livello mondiale. Anche i server di Easy Travel Hosting negli Stati Uniti utilizzano energia internamente derivata da fonti rinnovabili: in questo caso il fornitore è Native Energy, una delle poche aziende veramente ad alta integrità nel settore.

Grazie al suo impegno per l’eco-sostenibilità digitale Easy Travel Hosting ha ottenuto l’attestato Green-e, il principale programma di certificazione volontaria per le energie rinnovabili del Nord America, è stato riconosciuto dalla U. S. Environmental Protection Agency come un Green Power Partner ed è entrato a far parte della Green Web Foundation, un’organizzazione senza fini di lucro che è in missione per accelerare la transizione verso un Internet completamente verde.

Étang de Vaccarès, Camargue, Francia
La nostra intervista

Parallelamente all’impegno per la salvaguardia del pianeta, i ragazzi di Easy Travel Hosting lavorano per sostenere i blog che raccontano storie di viaggio auto-prodotte, vive e sostenibili dal punto di vista ambientale. Anche noi siamo entrati a far parte della loro rete e abbiamo risposto ad alcune domande sull’origine del nostro blog, sui viaggi che abbiamo fatto di recente e sulla nostra passione per la fotografia ed i trekking nella natura.

Ecco un estratto della nostra intervista:

Abbiamo visto che avete viaggiato in Cina. Cosa vi ha colpito di questo Paese?

La Cina è un paese immenso ed estremamente variegato. Avendo a disposizione solo tre settimane, noi abbiamo scelto di toccare una piccola parte dell’Impero Celeste, cioè il cosiddetto Triangolo d’Oro tra Shanghai, Xian e Pechino. Uno degli aspetti che ci ha colpito è la sua profonda ambivalenza: la Cina è un paese fortemente industrializzato e proiettato verso il futuro, ma allo stesso tempo ricchissimo di storia e di tradizioni che sono ancora molto vive e visibili. Grattacieli ultramoderni accanto ad antichi templi buddisti a Shanghai, la città proibita di Pechino stretta tra viali trafficati: questo doppio carattere è davvero affascinante! Inoltre, siamo rimasti sbalorditi dalla moltitudine di gente in giro, fiumi di persone che affollano i monumenti, le strade e le piazze. Questa densità di popolazione e il contatto fisico che ne deriva può risultare scioccante per un occidentale. Infine, il cibo: la cucina cinese è straordinaria. Abbiamo mangiato benissimo ovunque, sia nei ristoranti che nei mercatini di street food, piatti dai sapori sorprendenti e sempre diversi… assolutamente niente a che vedere con i nostri ristoranti cinesi!

L’intervista completa si trova qui: https://www.easytravelhosting.com/it/domani-e-un-altro-viaggio-i-viaggi-di-riccardo-e-susanna/

Write A Comment