Autore: AA.VV.
Editore: Ediciclo
Data di pubblicazione: 16 luglio 2020
Collana: Le guide Nonturismo ideata e curata da Sineglossa e Riverrun Hub
ISBN: 8865493305

 

 

 

Era il 2016 quando un forte terremoto mise in ginocchio una vasta zona degli Appennini del Centro Italia; proprio in quell’anno ed a seguito di quei drammatici eventi nacque a Frontignano di Ussita, una piccola frazione nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini a 1350 m slm, l’associazione C.A.S.A. (Cosa Accade Se Abitiamo). Uno spazio, anzi un porto di montagna, come i fondatori amano chiamarlo (www.portodimontagna.it), in cui confrontarsi, supportarsi e discutere con il tessuto sociale della comunità, con il desiderio di restare in un territorio ferito e in mutamento. Negli ultimi due anni C.A.S.A. ha aperto la sua sede ad artisti, associazioni, esperti e anche semplici cittadini ed in questo contesto è nata la guida “Ussita, Monti Sibillini. Deviazioni inedite raccontate dagli abitanti”. Il libro è frutto di un lavoro partecipativo che ha coinvolto sia gli abitanti che gli amanti di Ussita, impreziosito dalle incursioni degli artisti  che hanno avuto modo di vivere questa realtà attraverso la stessa associazione. La guida, curata da Riverrun Hub e Sineglossa, è strutturata in due parti: la prima, “Vivere Qui”, raccoglie i racconti degli abitanti attraverso 8 itinerari inediti alla scoperta dei luoghi urbani e naturalistici che caratterizzano la quotidianità della valle di Ussita post e pre terremoto. La seconda, “Dalla Valle alle Vette”, suddivisa in 4 parti, conduce dal fondovalle alla vetta del Monte Bove. “Ussita, Monti Sibillini” è una non-guida ricca di aneddoti e itinerari tra luoghi fragili e marginali, ma anche carichi di storia, tradizioni e voglia di rinascita.

Quello di Ussita è il secondo volume della collana Nonturismo, che ha esordito con la guida del quartiere periferico di Cagliari, Sant’Elia.

Hotel Felycita, ai piedi del Monte Bove

Write A Comment